Google+

730 precompilato: «Non è una rivoluzione, ma una sperimentazione»

aprile 17, 2015 Redazione

«Il 60% dei dati sui mutui inseriti dall’Agenzia delle entrate nel 730 precompilato e il 57% dei dati sulle assicurazioni non sono corretti»

dichiarazione-redditi-modello-730-shutterstock_255555790«Insomma il 730 online più che una rivoluzione copernicana nei rapporti fisco contribuente è l’avvio di una fase di sperimentazione». Lo scrive Italia Oggi a proposito del 730 precompilato: per arrivare a regime ci vorranno «almeno cinque anni». Il quotidiano economico-giuridico fa il punto sulla situazione e nota che «il 60% dei dati sui mutui inseriti dall’Agenzia delle entrate nel 730 precompilato e il 57% dei dati sulle assicurazioni non sono corretti. E per i contribuenti sarà necessario provvedere alla correzione». Secondo Italia Oggi «sono queste le proiezioni dei margini di errori che i tecnici dell’Agenzia delle entrate hanno fatto vedere durante le fasi di preparazione dell’operazione 730 online agli addetti ai lavori e che Italia Oggi è in grado di riportare. Di più. Girano delle proiezioni sugli errori con delle forbici sulla correttezza dei dati che vanno, nelle ipotesi più ottimiste, al 20% delle dichiarazioni senza errore a uno meno roseo 8%. E le stime degli errori fanno riferimento a simulazioni effettuate su elementi in possesso dell’amministrazione con riferimento all’anno di imposta 2012, dichiarazioni 2013».

PERCENTUALE ERRORI. Insomma, ci sono delle criticità ma non del tutto inattese, come ha spiegato Valeriano Canepari, presidente della consulta dei Caf: «Sappiamo che la qualità del dato sarà valida al 20%. Il dato migliorerà ma nel 2016 e nel 2017. Per noi quello che conta è la correttezza del sistema. Sui dati l’Agenzia ci dovrà lavorare e molto. Il sistema informatico però sta funzionando». E se è vero che il sistema informatico «ha retto l’urto di centinaia di migliaia di accessi», tuttavia «sarà necessario rimettere mano alle dichiarazioni non soltanto perché mancano i dati relativi alle spese sanitarie o ad altre voci ma anche perché il dato che l’Agenzia delle entrate ha immesso è talmente grezzo e non lavorato da contenere in sé un’altissima percentuale di errore».

NUOVE VERIFICHE. In particolare, sotto la lente alcuni dati come le pensioni e le spese di ristrutturazione edilizia. Nel primo caso sarà dunque necessario un raffronto con l’Inps, nel secondo, scrive il quotidiano, «i contribuenti devono rassegnarsi a una presunzione di errore da parte dell’Agenzia in quanto il dato è stato calcolato dai Caf e quindi non verificabile dal software delle Entrate e pertanto sarà controllato di default». E un discorso simile vale per le informazioni sugli interessi passivi dei mutui: «L’Agenzia delle entrate – scrive Italia Oggi – inserisce il dato grezzo che arriva dal sistema bancario senza operare alcun confronto con il valore dell’immobile, il contratto di compravendita della casa, la fattura della parcella del notaio. La spiegazione che provano a dare gli addetti ai lavori è legata al fatto che questi dati immobiliari non sono confrontabili dagli uomini dell’Agenzia delle entrate che inseriscono i dati nel modello precompilato, con il risultato che il dato per il fisco nel caso in cui l’importo degli interessi passivi superi quello del valore dell’immobile non è attendibile. Oltre il danno la beffa dunque: il contribuente quest’anno ha la certezza che la sua dichiarazione dovrà comunque essere integrata, manipolata e quindi soggetta a verifica e il motivo è da cercare non solo nella indisponibilità, per quest’anno, delle spese sanitarie, ma soprattutto nell’inaffidabilità dei dati in possesso dell’Agenzia delle entrate. E della non affidabilità ne è consapevole la stessa Agenzia che sta inviando dichiarazioni precompilate che in molti casi presentano richieste di spiegazioni al contribuente».

Foto 730 da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana