Google+

Quei «400 jihadisti addestrati nel califfato e mandati dall’Isis a colpire in Europa»

marzo 24, 2016 Redazione

Le fonti di intelligence sull’«unità speciale» dello Stato islamico che ha disseminato cellule terroristiche in «Germania, Gran Bretagna, Italia, Danimarca e Svezia»

bruxelles-aeroporto-attentato-kamikaze-ansa

Ieri Matteo Renzi, aprendo l’incontro con i capigruppo della maggioranza e dell’opposizione convocato da lui stesso dopo gli attentati di Bruxelles, ha detto che l’Italia, «come tutti i partner», ha «messo in campo ogni misura di sicurezza necessaria, anche se non risulta ad ora una minaccia specifica». Quello del presidente del Consiglio è apparso come un tentativo di ridimensionare l’allarme suscitato sempre ieri dagli articoli usciti sulla stampa italiana che parlavano di un crescente rischio attentati anche nel nostro paese. Anche oggi però diversi giornali riferiscono di avvertimenti e informazioni provenienti da servizi di intelligence “amici” nei quali la minaccia non ancora specifica assume una fisionomia sempre più precisa.

«A BREVE TERMINE». Per Il Fatto quotidiano «in buona parte dell’Europa, e cioè «in Germania, in Spagna, in Italia», le ambasciate americane, su indicazione del dipartimento di Stato Usa, hanno «diffuso un “Europe Travel Alert” che mette in guardia dai “rischi di viaggio per potenziali attacchi terroristici”. Anche sul sito per i cittadini americani a Roma in una nota si dice: “I gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine in tutta Europa”. Il target? “Eventi sportivi, siti turistici, ristoranti e trasporti”». In particolare gli americani raccomandano «attenzione durante le festività religiose e grandi festival o eventi», ma secondo il Fatto «l’elemento di maggiore preoccupazione» è «la tempistica di cui si parla nella nota», che è «a breve termine».

LE MANI AVANTI. Se è vero che, come ricorda il Fatto, «non è il primo avvertimento che lanciano gli americani», e inoltre «negli ultimi tempi c’è stato anche un aumento di segnalazioni agli 007 italiani, provenienti dai colleghi “del mondo occidentale”», tuttavia le «possibili cellule terroristiche» di cui si parlava in questa pioggia di dispacci si sono rivelate per lo più «informazioni che non hanno trovato riscontro». Infondate, per esempio, sono risultate le segnalazioni dell’Fbi che «a cinque giorni dall’attacco al Bataclan» individuavano come «possibili obiettivi di un attentato la Scala e il Duomo di Milano, oltre che la Basilica di San Pietro». Tanto che secondo il leghista Giacomo Stucchi, presidente del Copasir (Comitato parlamentare che vigila sull’operato degli 007), l’intensificarsi degli avvertimenti sarebbe solo un modo per «mettere le mani avanti» e per poter «sempre dire “lo avevamo detto”» nel caso in cui la minaccia si concretizzi.

SEGNALAZIONI DA EUROPA E IRAQ. Tuttavia è vero anche che «altre volte gli allarmi americani hanno colpito nel segno: per ultimo l’avvertimento rivolto alla Turchia due giorni prima dell’attentato del 13 marzo ad Ankara (37 morti)», osserva sempre il Fatto. Mentre la Stampa, come fanno anche altre testate, rilancia una notizia poco tranquillizzante: «Più fonti della sicurezza, europee e irachene – scrive Marco Zatterin – rivelano che Isis avrebbe sinora addestrato 400 combattenti per attacchi nelle nostre capitali». E questa rivelazione sarebbe, tra l’altro, il motivo per cui «gli inquirenti belgi speravano di prendere vivo Najim Laachraoui, l’artificiere degli attentati francesi, l’uomo che ha lasciato impronte sulle cinture esplosive di Parigi e in tutti i covi belgi. Volevano i suoi segreti e le sue conoscenze. Invece s’è scoperto che l’architetto della banda di Salah è uno dei due kamikaze di Zaventem».

I CAMPI DEL CALIFFO. A dettagliare maggiormente la notizia dei 400 preparati dall’Isis in Siria e Iraq appositamente per colpire in Europa è un lungo articolo della Associated Press (Ap). Secondo l’Ap il piano dello Stato islamico sarebbe proprio quello di disseminare nel nostro continente cellule terroristiche «agili e semiautonome» ma «collegate fra loro come quelle che hanno colpito Bruxelles e Parigi, incaricate di scegliere date, luoghi e metodi per provocare il massimo caos possibile». Le fonti delle informazioni riportate dall’agenzia sono appunto «funzionari di intelligence europei e iracheni» e la senatrice francese Nathalie Goulet che presiede la commissione antiterrorismo. E tutte parlano dell’esistenza di campi in Siria e Iraq (forse anche nei paesi dell’ex blocco sovietico) «dove i terroristi vengono addestrati per colpire l’Occidente».

IL MAGGIOR NUMERO DI ATTENTATI. Alcuni tra gli attentatori di Parigi sarebbero stati parte di questo “esercito” terrorista inviato dall’Isis in Europa. Idem per la cellula che è entrata in azione martedì a Bruxelles. «Le stime – scrive l’Ap – variano da 400 a 600 miliziani dello Stato islamico addestrati in modo specifico per attacchi all’estero, secondo i funzionari, inclusa Goulet». Una delle fonti “europee” interpellate dell’agenzia dice che si tratta di vere e proprie «unità speciali» dell’Isis, il cui obiettivo a quanto pare «non è più uccidere il maggior numero di persone possibili ma piuttosto compiere il maggior numero di operazioni, in modo che il nemico sia obbligato a spendere di più in termini di denaro e di risorse umane». Queste cellule “inviate” in Europa, inoltre, sarebbero in grado di colpire in autonomia, senza attendere ordini da Raqqa, la capitale siriana del califfato.

QUANTI SONO, DOVE SONO. «Il problema per molti funzionari di intelligence e di sicurezza – continua l’Ap – sta ora diventando quanti combattenti sono stati addestrati e quanti sono pronti a compiere attacchi. Un alto funzionario dei servizi segreti iracheni che non è stato autorizzato a rilasciare dichiarazioni sostiene che membri della cellula che ha portato a termine gli attentati di Parigi sono sparse in Germania, Gran Bretagna, Italia, Danimarca e Svezia. Recentemente un nuovo gruppo è entrato attraverso la Turchia».
Proprio in Turchia, secondo le autorità di Ankara, sarebbe stato arrestato nel giugno scorso Ibrahim El Bakraoui, uno dei kamikaze islamisti di Bruxelles. Sarebbe stato fermato «vicino al confine siriano», scrive l’Ap, e successivamente estradato in Belgio e segnalato come “foreign terrorist fighter”. In Belgio però è stato rilasciato per mancanza di prove.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

28 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Guindi gi sdai digendo ghe è duddo un gombloddo degli ebbrei?

    • underwater scrive:

      Al contrario le falle dell intelligence belga stanno sempre più venendo fuori, tanto che ieri si è fatto un vertice UE a Bruxelles sul punto. Mi piace che sfruttiate pure un giornale “sionista” pur di ripetere le vostre menzogne.

    • underwater scrive:

      E per la milionesima volta: prrrttt!

  2. Sebastiano scrive:

    Ahahah, gerga di non bere gosì dando, almeno la maddina…

    • Pro Memoria scrive:

      Consiglio la lettura delle dichiarazioni di mons. Jacques Behnan Hindo di un anno fa in cui, riprendendo una scandalosa dichiarazione del senatore McCain afferma, tra le altre cose, che era “un’ammissione spudorata del fatto che dietro alla guerra ad Assad c’è anche la Cia”.

      • underwater scrive:

        Non avete ancora capito che i vostri post deliranti non interessano a nessuno?

        • underwater scrive:

          L amore alla Verità, che è Cristo, obbliga a fare il fioretto di non lasciarvi in pace.

    • Pro Memoria scrive:

      Commentando le stragi in Europa, mons. Jacques Behnan Hindo, constata amaramente che ”purtroppo la popolazione innocente raccoglie anche quello che circoli e poteri europei hanno seminato in Siria e Iraq negli ultimi anni ”.

      • underwater scrive:

        Già ripostato, e già rifiutato. Voi siete coi persecutori, non con ld vittime.

        • underwater scrive:

          Sai com è, c’è stato un certo Mosè, ed una promessa valida per tutti i secoli….Ma a voi la teologia non interessa, importa solo la becera propaganda, anche quando è off topic.

          • underwater scrive:

            Però è in Terra Santa che Mosè guidò il popolo, non in Australia. Schivate i dati oggettivi delle Scritture e ripiegate sempre su una ideologia che la Chiesa rifiuta.

        • underwater scrive:

          L eretico sei tu e tutta la masnada di scomunicati e scismatici che ti porti dietro e che non ha mai letto “Padre, perdona loro”.

      • underwater scrive:

        Vergognatevi solo a citare il Beato.

        • underwater scrive:

          Internet per andare sul sito del Vaticano ce lo avete anche voi, neomarcioniti.

      • Aldorisio scrive:

        Ricordo che il Vecchio Israele sempre secondo i Padri, alla fine dei tempi sarà anch’esso reinnestato nell’Olivo santo della Rivelazione, come ha profetizzato san Paolo (Romani 11, 23-24). Ma – si badi bene – solo alla fine dei tempi, e non prima, perché, ancora secondo il magistero patristico, che per i cristiani, quando è unanime, come nella fattispecie, gode di infallibilità, il ruolo di Israele fino alla Parusia sarà sempre ambiguo: da un lato esso con la sua permanenza è testimone della Verità stessa della Rivelazione definitivamente adempiutasi in Cristo, dall’altro lato, però, a causa dell’ “indurimento del cuore”, provocato dal proprio “auto-accecamento” di fronte alla Divino-Umanità messianica di Cristo, esso, in ogni momento della storia, corre il tremendo rischio di scambiare l’Impostore per il Messia. Secondo san Girolamo (19) è a tale rischio che Cristo alludeva quando disse ai sinedriti: “Io sono venuto a nome del Padre mio e non mi ricevete, se un altro venisse nel proprio nome, lo riceverete” (Giov. 5, 43)”. Tale neo-teologia giudaizzante, dal post-Concilio in poi, sembra aver sempre più credito all’interno della Chiesa. Alla tradizionale teologia della sostituzione è, infatti, andata subentrando un po’ alla volta, quasi impercettibilmente per i fedeli non addetti ai lavori, la neo-teologia del “duplice soggetto messianico”, una neo-teologia che, però, per usare le parole di Paolo VI confidate a Jean Guitton a proposito delle dottrine spurie (“il fumo di Satana”) che egli vedeva penetrare nel tempio, non rappresenterà mai, anche se dovesse diventare prevalente, l’autentico pensiero della Chiesa.

        • felpa scrive:

          Aldorisio campione del libero esame. Come un protestante taglia e cuce a suo uso e consumo.

          • underwater scrive:

            Voi selezionate anche in quello che si diceva prima del 1962 e trasformate i Santi in campioni del vostro odio, quando la Storia dice l opposto. Pio X, per esempio, nel 1904 ricevette Hertzl, idem Benedetto XV. Per non parlare di Pio XI e Pio XII contro Hitler.

          • felpa scrive:

            Voi selezionate anche prima del 1962.

          • felpa scrive:

            Si che lo so, e so anche che in quel momento non era magistero. A differenza vostra, non ho dogmatizzato un atteggiamento. Considero la complessità della Storia.

      • felpa scrive:

        Voi confondete sionismo con ebraismo perché in realtà li odiate come popolo. Ma i cristiani sono “spiritualmente semiti”, come disse Pio XI nel 1938. Non è un caso che Roma abbia la più antica comunità d Europa. Vi siete mai chiesti perché?

      • felpa scrive:

        Il Talmud è stato scritto nel III d.C. ( a sinedrio sciolto) e non cambia ne la genetica, né il permanere o meno delle promesse.

        • felpa scrive:

          Io professo integralmente, senza tagli interessati, la dottrina cattolica così come insegnata dalle legittime gerarchia. L accusa dei soldi puzza molto di autobiografia.

        • underwater scrive:

          Nulla comunque di scandaloso o mostruoso.

        • underwater scrive:

          Gli “studi” che citate non hanno più autorevolezza perché scritti da fanatici in talare. Vi dite cattolici, ma siete solo lefebvriani fanatici e fuori da ogni tempo (e grazia).

          • underwater scrive:

            Chi lo ha mai detto? In teologia è comunque un signor nessuno. Intanto sulla domanda su Roma non mi hai risposto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana