Google+

1988. Da un pallonetto di testa nascono i Jack’s heroes irlandesi

giugno 5, 2012 Emmanuele Michela

Fu l’esordio ufficiale in una competizione per nazionale per la green army. Il gol di Hougthon è entrato nella storia del calcio irlandese perché mise al tappeto la vittima più odiata: l’Inghilterra.

Nuovo articolo della serie “Verso gli Europei”: torniamo al 1988, anno dell’esordio in un trofeo internazionale per l’Irlanda. Che debuttò nel migliore dei modi.


Un debutto così non se lo sarebbe immaginato nessuno.
Era una squadra nerboruta e gagliarda l’Irlanda che si qualificò per la prima volta agli Europei nel 1988. Agli ordini di Jack Charlton (fratello del più noto campione del mondo inglese Bobby) la Green Army arrivò per la prima volta alla fase finale di una competizione per Nazionali, dando inizio a un ciclo vincente che l’avrebbe portata anche ai Mondiali in Italia. Per la musica irlandese diventarono i “Jack’s Heroes”: questo il titolo della canzone scritta dai gruppi folk The Dubliners e The Pogues, dove s’inneggiava a quell’undici magico, che in poco tempo conquistò il cuore della gente: «Too-ra-loo Too-ra-loo. And we’ll follow Jack’s heroes whatever they do», si cantava a Dublino nel ’90. Un fatto strano, se si pensa che da quelle parti football vuol dire England, ergo il calcio è guardato con un filo di ostilità. Ma non dopo quell’esordio del 1988, in cui agli irlandesi capitò d’incontrare proprio l’Inghilterra.

È il 12 giugno. La formula degli Europei è ancora vecchio stampo, e quindi ci sono solo due gironi da quattro squadre. Negli anni Ottanta la Green Army è cresciuta enormemente, sia in gioco di squadra (e qui si vede la mano di Jack Charlton), sia nei singoli giocatori: è l’Irlanda di Ronnie Whelan (15 anni al Liverpool e più di 350 presenze), di Kevin Moran (10 anni con la casacca dello United e due FA Cup), del capitano Frank Stapleton, del giovane Niall Quinn e soprattutto di Ray Hougthon. Un nome, quest’ultimo, che Pagliuca ricorda bene: suo fu il gol ai Mondiali del 1994, che fulminò il mal piazzato numero 1 della Samp nel clamoroso esordio dell’Italia in quella competizione.

Ma se chiedi di Houghton ad un irlandese, ti parlerà prima di tutto di un altro gol di questo giocatore: fu lui che al sesto minuto di quell’indimenticato match contro l’Inghilterra del 1988 regalò alla sua Nazione il debutto migliore nel calcio che conta. Le mani nei (pochi) capelli di Jack Charlton rendono bene l’idea dell’incredibilità di quella vittoria: i lord della casata nazionale del calcio superati dagli giovani garzoni del paese, un secolo di storia sportiva targata UK spodestata dall’esordio grintoso di chi il calcio aveva iniziato a gustarlo seriamente solo da qualche primavera. Inutile poi accennare alla rilevanza storica che una vittoria simile poteva avere, dopo secoli di dominazione britannica sul suolo irlandese. Quel colpo di testa di Houghton è una palombella leggera dalla destra dell’area di rigore, a scavalcare l’incolpevole Shilton, e ha fatto letteralmente la storia del calcio: il resto dell’Europeo fu amaro per gli uomini di Charlton, che arrivarono terzi nel girone e non riuscirono a qualificarsi. Ma quell’1-0 sugli inglesi, quella superiorità che per una volta riuscirono a ribaltare diede al fallimento altre tinte.

L’Irlanda torna agli Europei quest’anno, dopo 24 stagioni di lontananza. È forse un caso, ma le sole due volte che è riuscita a qualificarsi al Campionato europeo di calcio lo ha fatto con allenatori non irlandesi. Charlton era inglese, e al girone dell’88 fecero fuori proprio i Three Lions. Trapattoni è italiano, e la sua Irlanda se la vedrà proprio con gli Azzurri… Se il 18 giugno gli uomini di Prandelli dovessero perdere non venite a chiedermi il motivo….

 

Gli altri articoli della serie “Verso gli Europei”:
– Euro 2000 Italia-Olanda: quella volta che Toldo divenne San Francesco protettore d’Italia
– Euro 2004. Nessuno avrebbe mai scommesso sulla Grecia (tranne Emilio Fede)
 Euro 2000. Il battesimo europeo del Portogallo passò sul cadavere dell’Inghilterra
– Euro 1968. San Gennaro, il calcio in bianco e nero e una monetina sospesa tra Italia e Urss
 Euro 1992.Erano in vacanza al mare.Un mese dopo alzarono la coppa

Euro 1996. “Gravità zero” fa volare la fresca Germania di Berti Vogts

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana