Google+

14 braccialetti elettronici sono costati allo Stato 81 milioni di euro in dieci anni

ottobre 2, 2012 Redazione

Lo rivela la Corte dei Conti, dopo l’esame della spesa sostenuta dal Viminale per questa misura alternativa, che ha definito «antieconomica e inefficace». Il Ministero dell’Interno però ha già rinnovato il contratto con Telecom.

81 milioni di euro per 14 braccialetti elettronici. Queste le cifre rese note ieri dalla Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato della Corte dei Conti, che evidenziano le spese sostenute dallo Stato nel decennio dal 2001 al 2011 per un misura alternativa al carcere che di fatto non è mai stata utilizzata in Italia. Secondo la Corte dei Conti, la stipula della convenzione con Telecom, l’azienda titolare del brevetto, è stata troppo onerosa: il noleggio, la manutenzione e la gestione operativa della piattaforma tecnologica dei braccialetti sono costati allo Stato 10 milioni  di euro all’anno. Troppi, soprattutto se si pensa che i braccialetti utilizzati sono stati solo 14 rispetto ai 400 disponibili. Il 31 dicembre scorso la convenzione è scaduta e lo Stato ha rinnovato il contratto a condizioni più vantaggiose, ma comunque onerose.

COS’È IL BRACCIALETTO ELETTRONICO. Questo dispositivo, definito braccialetto elettronico, da porsi sulla caviglia o sul polso, dà la possibilità di controllare a distanza e senza oneri diretti di sorveglianza il detenuto agli arresti domiciliari. Un misura alternativa che, almeno sulla carta, permetterebbe di alleviare l’annoso problema del sovraffollamento carcerario. Purtroppo, però, questo strumento innovativo, nei dieci anni scorsi, è stato utilizzato pochissimo, ma la spesa sostenuta dallo Stato è stata, secondo la Corte dei Conti, «antieconomica e inefficace». Il Ministero dell’Interno, però, nonostante le perplessità sull’utilizzo del braccialetto elettronico e sull’ingente spesa connessa, ha rinnovato il contratto con Telecom. Il contratto prevede una miglioria tecnologica e l’aumento del numero di dispositivi utilizzabili, che saranno duemila e non più quattrocento. La Corte dei Conti, però si è espressa negativamente anche su questa nuova convenzione, affermando che sarebbe stato opportuno, anche da parte del Ministero della Giustizia, un esame più accurato prima di procedere al rinnovo del contratto, per evitare il perpetrarsi degli sprechi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    perchè non sono stati utilizzati? chi ha la facoltà di decidere? e quali motivazioni ha?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download