Google+

14 braccialetti elettronici sono costati allo Stato 81 milioni di euro in dieci anni

ottobre 2, 2012 Redazione

Lo rivela la Corte dei Conti, dopo l’esame della spesa sostenuta dal Viminale per questa misura alternativa, che ha definito «antieconomica e inefficace». Il Ministero dell’Interno però ha già rinnovato il contratto con Telecom.

81 milioni di euro per 14 braccialetti elettronici. Queste le cifre rese note ieri dalla Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato della Corte dei Conti, che evidenziano le spese sostenute dallo Stato nel decennio dal 2001 al 2011 per un misura alternativa al carcere che di fatto non è mai stata utilizzata in Italia. Secondo la Corte dei Conti, la stipula della convenzione con Telecom, l’azienda titolare del brevetto, è stata troppo onerosa: il noleggio, la manutenzione e la gestione operativa della piattaforma tecnologica dei braccialetti sono costati allo Stato 10 milioni  di euro all’anno. Troppi, soprattutto se si pensa che i braccialetti utilizzati sono stati solo 14 rispetto ai 400 disponibili. Il 31 dicembre scorso la convenzione è scaduta e lo Stato ha rinnovato il contratto a condizioni più vantaggiose, ma comunque onerose.

COS’È IL BRACCIALETTO ELETTRONICO. Questo dispositivo, definito braccialetto elettronico, da porsi sulla caviglia o sul polso, dà la possibilità di controllare a distanza e senza oneri diretti di sorveglianza il detenuto agli arresti domiciliari. Un misura alternativa che, almeno sulla carta, permetterebbe di alleviare l’annoso problema del sovraffollamento carcerario. Purtroppo, però, questo strumento innovativo, nei dieci anni scorsi, è stato utilizzato pochissimo, ma la spesa sostenuta dallo Stato è stata, secondo la Corte dei Conti, «antieconomica e inefficace». Il Ministero dell’Interno, però, nonostante le perplessità sull’utilizzo del braccialetto elettronico e sull’ingente spesa connessa, ha rinnovato il contratto con Telecom. Il contratto prevede una miglioria tecnologica e l’aumento del numero di dispositivi utilizzabili, che saranno duemila e non più quattrocento. La Corte dei Conti, però si è espressa negativamente anche su questa nuova convenzione, affermando che sarebbe stato opportuno, anche da parte del Ministero della Giustizia, un esame più accurato prima di procedere al rinnovo del contratto, per evitare il perpetrarsi degli sprechi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    perchè non sono stati utilizzati? chi ha la facoltà di decidere? e quali motivazioni ha?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.